CSN7NEWS.IT CULTURA INTERNAZIONALE e ARTE ONLINE  7. 4. 2021 N .146 anno  XIII  |||||||| ISSN 2283-6586

__________________________________________________________________________________

TOP-ATTUALITA'      EUROPA     CULTURA     ITALIA  FVG   MARCHE  MEDIA     INTERVISTE   GREEN LOVE LIFE                          CONTATTI

   WHAT WE ARE >                       IN YOUR COUNTRY                    >Staff Directory  Contatti_lavora con noi > WHAT WE DO                                           press email:  nobile.redazione@csn7news.it

                                                                                                                                                     pagina 4 

           

 


L'
arazzo di Bayeux in mostra

ancora per poco

presso il Museo di Bayeux

in Normadia

by    ELISABETTA MARCHETTI

 

       

Un viaggio in Normandia per ammirare il famoso arazzo di BAYEUX , una tela di 70 metri che verrà restaurata nel 2024.

Ancora due anni per visitare il Museo di Bayuex prima che la tela di 70 metri in lino (70x50) ricamato con filo di lana venga sottoposta ad un complesso restauro. Dopo la pandemia, quando saremo tutti vaccinati e dotati di certificato di vaccinazione vale la pena fare un viaggio in Normandia e visitare il Museo di Bayuex.

In tale museo è esposta la famosa tela che rappresenta la battaglia di Hastings 1066, battaglia con la quale Guglielmo I ( GUILLAME LE BATARD , perchè nato da una unione illegittima ) attacca Re Aroldo II d'Inghilterra e vince  , ponendo fine alla dinastia Anglosassone che regge l'Inghilterra e inaugurando la stirpe dei sovrani Normanni . Sarebbe bene, pandemia finendo, correre a ammirare quest'opera così singolare perchè nel 2024, dunque appena fra tre anni, l'opera verrà sottoposta ad un costosissimo restauro in quanto possiede 24 mila macchie e 10.000 strappi. Solo lo spostamento di 70 metri di tela ricamata,erroneamente chiamata arazzo, richiederà una squadra di 50 persone el'eliminazione oltre che delle macchie e degli strappi anche degli agenti usuranti comporterà un costo di 2 milioni di euro. Ma ormai il piano di restauro è stato deciso e agli inizi del 2024 esso avrà la sua partenza.

La tela bianca con i ricami colorati di combattimenti e scene di vita dell'epoca è anche una fonte di conoscenze sugli usi e costumi delle genti che popolavano all'epoca la Normandia. Si possono riconoscere le armi, le armature usate, le tecniche di attacco e le usanze del popolo, un vero libro aperto per lo studioso. Ma vien da chiedersi chi abbia commissionato un'opera così singolare. E la risposta plausibile viene dalla cattedrale di Bayuex dove nell'inventario è presentato questo lavoro. Molto probabilmente dunque ad ordinare questa opera più che la regina Matilde (moglie di Guglielmo) cui si attribuisce la tessitura della tela, sia stato il fratellastro di Re Guglielmo il Conquistatore, ovvero il vescovo  di Bayuex, Oddone. Il re  riuscì a stabilire il suo trono in terra inglese dopo aver battuto in un terribile duello il re Aroldo che aveva giurato di riconoscere il re Guglielmo il Conquistatore. Sembra che una freccia  sia penetrata nel volto di Aroldo tra i due occhi e che poi Guglielmo lo abbia raggiunto e finito con la spada. L'armamento dei re era il seguente, una tunica, una rete metallica e stivali con speroni, capelli rasati, mentre gli inglesi portavano capelli corti sulla nuca e sul collo. La potenza dei cavalieri normanni è data anche dall'uso di stivali con  speroni che davano loro molta più stabilità. Quasi certamente nella fase del restauro la tela di Hastings sarà portata nel luogo dove i normanni, e in particolare il committente, il vescovo Oddone,  voleva che fosse collocata nel lontano 1077, ovvero nella cattedrale di Bayuex. Va anche ricordato che Bayuex è stata la prima cittadina francese ad essere liberata dai nazisti dopo lo sbarco in Normandia. Le scene ritratte nella tela e ricamate con filo di lana raccontano le fasi della estenuante vicenda dei rapporti tra la corona inglese e la corona normanna e ci mostrano come da un tradimento del re inglese sia scaturita la rabbia del cugino normanno e l'esito imprevedibile di questo cambio di successione. Fatto certamente memorabile nell'Alto MedioEvo e degno di essere ricordato grazie a questa opera di certosino valore.

   

 

 

 


                 “Athenathon”, la maratona social delle Università europee a difesa di ambiente e clima

            

Dal 9 aprile parte il nuovo progetto sposato anche da Unicusano: per un mese studenti e professori condivideranno sulla rete i chilometri fatti a nuoto, di corsa o in bicicletta per sensibilizzare sui temi dell’ecosostenibilità. Obiettivo: 11.000 km

 

L’Europa universitaria si mobilita a difesa dell’ambiente e del clima. A partire da questa mattina prenderà il via l’ambizioso progetto “Athenaton”: studenti e professori dei sette campus afferenti alla rete Athena, fra cui l’Università Niccolò Cusano, condivideranno sui social i chilometri percorsi a nuoto, di corsa, in bicicletta o in qualsiasi altra attività “carbon free”. Con l’obiettivo di raggiungere tutti insieme gli 11.000 km, distanza che idealmente collega le università europee del progetto.

Per prendere parte all'evento, ogni studente e professore indicherà il numero di chilometri percorsi su Twitter, Facebook o Instagram usando gli hashtag ufficiali dell'evento #move4athena o #athenathon e postando uno screenshot della performance registrata tramite la sua app di tracking preferita come prova, oppure iscrivendosi sul sito Strava Club: Europe Day ATHENATHON (https://www.strava.com/clubs/205572).

Una nuova onda verde corre dunque attraverso le città e i paesaggi del Vecchio Continente per smobilitare coscienze e sensibilizzare i giovani sull’importanza di adottare stili di vita ecosostenibili e rispettosi del pianeta. E il 9 maggio, giorno in cui si festeggia l’Unione Europea, verrà reso pubblico il risultato dell’evento “Athenaton” e saranno pubblicate tutte le foto scattate in questo “viaggio social” attraverso i Paesi europei.

“In questi tempi senza precedenti – spiega Daniele Barettin, responsabile del progetto per conto dell’Unicusano – più che mai abbiamo bisogno di unire le persone, sostenere gli studenti, il personale e tutti i membri delle comunità universitarie, rimanere ottimisti e sani. Andiamo avanti e siamo attivi insieme”.

 

 

 

 

L’Università Europea ATHENA

L'Iniziativa delle Università Europee è un progetto faro dell'Unione Europea nel campo dell'istruzione superiore e della ricerca, volto a rendere le università europee più aperte a livello internazionale, più efficienti e inclusive.

L'Advanced Technology Higher Education Network Alliance (ATHENA) è uno dei progetti pilota di Università Europee selezionati dalla Commissione Europea nel 2020, che riunisce il Politecnico di Porto (Portogallo, coordinatore), le università di Maribor (Slovenia), Orleans (Francia), Siegen(Germania), l'Università ellenica del Mediterraneo (Grecia) l'Università Niccolò Cusano (Italia) e l'Università tecnica Gediminas di Vilnius (Lituania).

Focalizzata sul tema della trasformazione digitale delle società, l'ambizione di ATHENA è quella di creare corsi di formazione decisamente internazionalizzati, di offrire mobilità internazionale al maggior numero di studenti, compresi quelli con disabilità, di promuovere la nascita di progetti di collaborazione nella ricerca e sviluppo e di favorire nuove prospettive europee agli oltre 120.000 studenti e 10.000 collaboratori dell'alleanza, ma anche alle comunità locali e ai partner.


 

 

 

 

 

         ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

                                          SCOPRI L'ATTUALITA' NEI GIORNALI EUROPEI

Francia

Les Echos
EuroNews
Europe1.fr
L'expansion
L'express
Le Figaro
Investir
Le Parisien
Liberation
Le Monde
Le Nouvel Observateur
Paris Match
Le Point
Le Progres
Le Telegramme
La Tribune

Germania

Berliner Morgenpost
Boersen Zeitung
Frankfurther Allgmeine
Handelsblatt
Spiegel
Der Tagesspiegel
VOX
Die Welt
Die Zeit
RP
Financial Times Deutschland

Regno Unito

Guardian
The Herald
The Independent
Scotsman
The Times
The Mirror
The Telegraph
Financial Times

 

CSN7NEWS.it   Periodico europeonline d'Attualit←nternazionale Multimedia  © Fondato nel 2009 editore -proprietario CNE EDITORE |  editor: Nobile Claudia   |   Testata giornalistica  registrata al Tribunale di Udine | Registro stampa - n.1 del 30/1/2009 | Direttore responsabile Claudia Nobile   |  Posta elettronica certificata:  nobileclaudia.odg@pecgiornalisti.it  | Informazioni generiche REDAZIONE: nobile.redazione@csn7news.it © Copyright 2009-2020  Edizione CSN7NEWS.it  - Tutti i diritti riservati  | Type: Nonprofit  |    Copyright © Nobile Claudia Editor & Journalist. All rights reserved |  

 2021